Hasta il Concertòn!

Cosa si celebra con la festa dei lavoratori?

I lavoratori?
Se così fosse, dovremmo fare un concerto anche alla commemorazione delle Fosse Ardeatine.

Se il 1 Maggio è la festa PER i lavoratori,
quella piazza è piena di imbucati.

Se è la festa di chi si batte per i diritti dei lavoratori,
non sarebbe meglio aspettare di vincere, prima?

Se è il più grande evento di campagna adesioni per i sindacati,
non sarebbe giusto che i sindacati pagassero per intero tutte le spese?

Se è una qualsiasi scusa per fare un concerto,
non potrebbero risparmiarci i present-predic-attori, più finti degli zigomi di Gabriella Carlucci, che interrompono la musica con le stronzate scritte da tristi battutari per pensionati?

Insomma, l’unico senso che ha questa festa è il fare festa.
Legittimo, per carità, ma che lo rende tanto importante quanto
una sbronza tra quattro amici davanti davanti alla playstation.

E’ vero che è un evento privo di significato, MA come tutte le feste migliori.

Però è ipocrita.
Le cose immorali si fanno per i propri interessi, e io non giudico chi fa i propri interessi.
L’ipocrisia invece si usa per prendermi per il culo, e questo è insopportabile.

Non ultimo rimpianto, è il malcelato messaggio che vogliono sublimarti, ossia che
se saltelli ad un concerto
stai partecipando ad una lotta. 

Annunci