TUTTI NEL LETTO GRANDE!

Vi trasferireste in un paese dove persino il dibattito politico è tutto concentrato sulla figa?
Bene, allora una volta tanto sentitevi orgogliosi di esserci nati.

Il “pisello con il premier intorno” sbraita e si difende, ma io al suo posto non sarei troppo preoccupato,

visto che seppure il mio governo cadesse, sarei sempre pieno di miliardi con cui comprarmi le tartarughine per accaparrarmi la figa.

“Eh, ma se Berlusconi cade, va in galera!”

Certo, grazie alle leggi che gli farà D’Alema, giusto?

Sapete, da tutta questa faccenda spero che se ne ricavi qualcosa di utile,
tipo la possibilità di scaricare le zoccole dalla dichiarazione dei redditi.

Buona settimana a tutti.

“Ma come Fabbri, tutto qui?”
Ehi, non ho sempre tutto questo tempo da dedicare al vostro indottrinamento,
cosa credete che sia, un vescovo?

GIAMBATTISTAVICHITE

Dall’aldilà riceviamo e volentieri pubblichiamo

“Non amano l’acqua, molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane.
Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.
Quando riescono ad avvicinarsi al centro, affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.
Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.
Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti.
Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina, ma sovente davanti alle chiese donne vestite di scuro, e uomini quasi sempre anziani, invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti.
Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro.
Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, diventano violenti.
Le nostre donne li evitano, non solo perché poco attraenti e selvatici, ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche, quando le donne tornano dal lavoro.
I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, di attività criminali.”

Relazione dell’Ispettorato per l’Immigrazione del Congresso Americano sugli immigrati italiani negli Stati Uniti, ottobre 1912.

SCARICABILE 15

Lo so lo so amati lettori, sono parecchi giorni che non scrivo.

Sto provando un nuovo Viagra.

Approfittando di una cagata imminente, ho interrotto la performance e vi pubblicizzo il 15esimo Scaricabile:

Chi lo scarica riceverà un collier da 6000 Euro, ogni pietra preziosa avrà la dimensione esatta del vostro buco di culo.

Fatene buon uso.

Sindaco Alemanno, se ne freghi!

Bel siparietto c’è a Roma in questi giorni.

Il sindaco di Parigi, Delanoe, in occasione di un incontro col PD ha detto:
«Difficilmente riuscirò ad avere buoni rapporti anche con Gianni Alemanno che è stato accolto al Campidoglio con i saluti fascisti».

Alemanno, povera verginella, ha commentato: «Quello che ha detto il sindaco di Parigi su di me è falso, offensivo e intollerabile. Non si può, per dare soddisfazione ad una propaganda di parte, inventare fatti che non esistono né tanto meno interrompere le relazioni istituzionali Roma e Parigi che sono sancite da un antico gemellaggio”.

null
“Fatti che non esistono”?
E’ vero che oggi con Photoshop si fanno miracoli, ma non esageriamo eh?!

Tra l’altro: questa notizia è riportata su Repubblica.it, a questo link.
Nell’articolo il giornalista non ha messo, sicuramente per distrazione, un link a questa fotogallery, che accidentalmente si trova proprio su Repubblica.it